Le unghie dei cani non si consumano sull’asfalto

(…) “Le zampe di un cane sono quelle di un predatore. I loro artigli devono fare presa sul terreno per poter cacciare la preda. Sull’asfalto questo non è possibile.” (…) “l’asfalto è progettato per farci rotolare delle ciambelle di gomma applicate a diversi veicoli a motore, non per farci passeggiare i cani!” (…).


Facendo una breve ricerca su Internet si può trovare che:
– il primo asfalto al mondo venne posato nel 1834 su alcune strade del distretto siderurgico di Winchester, in Inghilterra;
– nel 1837 venne pavimentata, con lastre di asfalto, la Piazza della Concordia;
– nel 1900, in Italia, per la prima volta, venne usato il catrame su due tratti di provinciale vicino a Lugo di Romagna (RA);
– nel 1913 New York aveva quasi il 50% delle strade asfaltate, Berlino il 40%, Parigi il 10%, Londra il 5%;
– nel 1924 fu inaugurato il primo tratto di autostrada d’Italia, la Milano-Laghi.

Quindi perché ci sono ancora tanti veterinari che consigliano di portare il cane a passeggiare sull’asfalto per fargli consumare le unghie in maniera naturale?

Cos’è l’asfalto?

L’asfalto è un insieme di bitume e materiali inerti di vario tipo. Con esso si crea una superficie industriale dura che inizialmente (circa nel 1835 in Inghilterra) venne utilizzata per eliminare la polvere e il fango dalle strade.
E’ giusto presupporre, quindi, che i primi cani che hanno passeggiato per la prima volta su un pezzo d’asfalto sono vissuti circa 180 fa.

Ma come hanno fatto centinaia di generazioni di cani (e di lupi prima di loro) a non aver avuto bisogno della zampicure?

Le zampe di un cane sono quelle di un predatore. I loro artigli devono fare presa sul terreno per poter cacciare la preda. Sull’asfalto questo non è possibile. Non a caso i circuiti dedicati alla corsa dei cani non sono asfaltati. Inoltre i continui colpi che le unghie subiscono ad ogni passo, sono tutt’altro che salutari.

A questo proposito ci sono due cose che tutti possono notare:
1) quando un cane trova un’area vasta e “morbida” (un terreno fresato da poco, una spiaggia, un prato, un parco-giochi per bambini dove è stata usata ghiaia di fiume, etc.) ci si tuffa a correre a più non posso perché prova piacere per la morbidezza, per la possibilità di “aggredire” il terreno con tutta la zampa e poter scaricare eventuali tensioni muscolari, per la temperatura più fresca rispetto all’asfalto in estate;
2) i cani che hanno la possibilità di muoversi per molto tempo all’aperto su superfici naturali (cani liberi, cani di pastori, cani delle masserie e alcuni cani domestici fortunati) hanno due particolarità: non fanno rumore quando camminano lentamente sull’asfalto (o sulle piastrelle di casa) perché hanno le unghie corte; la parte terminale delle unghie è appuntita e arrotondata (anziché piatta) proprio perché l’abrasività della terra le consuma in maniera naturale, senza urti, dandogli la giusta forma.

Asfalto, polpastrelli e aria calda

Le caratteristiche tecniche dell’asfalto e dei pneumatici sono progredite di pari passo negli anni. Gli asfalti usati negli aeroporti, nei circuiti di Formula 1 e nelle strade che percorriamo quotidianamente sono tutti e tre diversi anche a seconda del luogo in cui si trovano.
Quindi l’asfalto è progettato per farci rotolare delle ciambelle di gomma applicate a diversi veicoli a motore, non per farci passeggiare i cani!
Il suo colore nero può tornare utile nei periodi freddi perché la superficie tiepida può far piacere ai cani liberi che, in strade raramente frequentate, si stendono per riscaldarsi. Ma in estate è da evitare tranne la mattina presto e alcune ore dopo il tramonto se si è raffreddato a sufficienza: il problema non è solo per i polpastrelli ma anche per l’aria molto calda che i cani (molto più bassi di noi) si troverebbero a inalare.

Il taglio delle unghie

Portando i cani a vivere nelle nostre case li abbiamo costretti a passare molto tempo fermi. Questo, unito a passeggiate cittadine al guinzaglio, ha finito per richiedere il taglio delle unghie anche per loro.
Tagliare le unghie al proprio cane è un’operazione che chiunque dovrebbe imparare a fare. Il problema maggiore non è l’aspetto tecnico (come e quanto tagliare) ma la sopportazione del cane a quel forte “tack!” quando viene tagliata l’unghia e la sua tolleranza alla manipolazione delle zampe. Questi due aspetti condizioneranno l’accettazione o meno del cane a continuare a farsi tagliare le unghie per tutta la vita. Per questo saranno fondamentali la pazienza, l’empatia e il non voler tagliare a tutti i costi tutte le unghie in un’unica seduta.

Per imparare a tagliare le unghie del vostro cane rivolgetevi al vostro veterinario o ad un toelettatore.


Per domande e commenti potete usare la Pagina Facebook